Connettiti con noi

Hanno Detto

Borghi e la sua top del 2021: ci sono anche tre nerazzurri

Pubblicato

su

Il noto telecronista di DAZN, Stefano Borghi, ha stilato la sua personale top 11 del 2021: ci sono tre nerazzurri

Attraverso il suo editoriale su Star Casinò Sport, il noto telecronista, Stefano Borghi, ha stilato la top 11 di questo 2021. Ci sono anche tre nerazzurri:

Ospina; Skriniar, Bremer, Koulibaly; Candreva, Tonali, Zielinski, Calhanoglu, Perisic; Simeone, Vlahovic.

SKRINIAR«Preso come simbolo di una difesa che a dispetto del nuovo modus operandi di Simone Inzaghi non ha minimamente subito contraccolpi. Anzi ha chiuso il girone di andata con otto gol subiti in meno rispetto a un anno fa. In più il gigante slovacco ha fornito anche due reti (tre con quella allo Sheriff in Champions). Il che lo rende papabile per essere la fotografia dello strapotere aereo di una squadra che dai cieli ha trovato ben dodici realizzazioni. Probabilmente non è il migliore in assoluto nella delicata posizione di cardine centrale. Perché sull’argomento Stefan De Vrij rimane un cattedratico in grado di impartire lezioni di vita a chiunque, però Bremer merita il riconoscimento per quanto fatto finora in stagione».

PERISIC«In questo ruolo inizialmente molto mal digerito ha trovato forse il suo miglior semestre italiano. Antonio Conte aveva capito subito che l’evoluzione del croato sarebbe stata questa. Ha dovuto lottare per farglielo accettare però ha vinto, preparando per Simone Inzaghi un Perisic che risulta quasi più una punta laterale che non un terzino di spinta. E che oltretutto ha già portato in dote quattro timbri».

CALHANOGLU«In questo caso proprio non si può derogare. Il turco è stato probabilmente la scommessa più ardita dell’estate nerazzurra. Ma anche quella che ha fatto più di tutte la differenza. Le dinamiche sono diverse, però come l’anno scorso l’Inter ha ingranato nel momento in cui la sua “mezzala creativa” ha trovato la svolta tecnica. Conte da marzo in poi ha potuto puntare su Eriksen, Inzaghi ha insistito con Calhanoglu. Il risultato sono stati cinque gol e cinque assist nelle ultime otto partite di campionato. Per un totale di tredici partecipazioni dirette al gol e ben cinque passaggi vincenti effettuati direttamente da corner».