Connettiti con noi

Hanno Detto

Inter Napoli, Adani: «Calhanoglu in crescita, Lautaro e Insigne gli uomini chiave»

Pubblicato

su

L’ex nerazzurro Lele Adani ha detto la sua in vista del big match tra Inter e Napoli

Lele Adani, ex calciatore dell’Inter, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha detto la sua in vista del big match di San Siro tra i nerazzurri e il Napoli.

INTER, COME ATTACCARE«Allargare la difesa del Napoli togliendo punti di riferimento e accompagnando con le mezzali. Correa e Lautaro possono svolgere bene questo compito». 

PERFORARE DIFESA INTER – «Allungare la difesa nerazzurra sfruttando la forza di Osimhen e mettendo Insigne nella condizione di fare il due contro uno sulla trequarti dialogando con Zielinski o con Mario Rui quando sale. E per creare spazio tra difesa e centrocampo serve proprio che Osimhen vada in profondità costringendo i centrali ad abbassarsi». 

BROZOVIC E FABIAN – «Da Brozovic vorrei che oscurasse i passaggi per Osimhen e poi che mandasse fuori tempo la pressione del Napoli con giocate precise. A Fabian chiederei di fare molto bene la prima uscita da dietro e poi di seguire, come fa spesso, l’azione anche nella trequarti avversaria per rifinire o concludere. Tanto gli coprirebbe le spalle Anguissa, che è giocatore di occupazione, interdizione, equilibrio». 

RALLENTARE IL PRESSING«L’Inter può alternare la pressione alta o la densità bassa. Se aggredisce, il primo compito è dell’attaccante che deve oscurare il passaggio tra i centrali e Fabian Ruiz. Per quanto riguarda Brozovic, invece, di solito ha sempre un avversario che si occupa di lui e potrebbe essere Zielinski». 

DUBBI INZAGHI – «Nel primo caso è una decisione fisica: se Dzeko fosse al top, sceglierei lui. Altrimenti Correa. A centrocampo Calhanoglu è in crescita e si merita di giocare». 

BARELLA-ZIELINSKI – «Certo. L’Inter ha bisogno di capire come sta Barella, che è imprescindibile anche per il senso di sacrificio. Quando gioca, Barella trasmette entusiasmo. E se è al top fisicamente diventa anche più forte tecnicamente e cerca la giocata. Bisogna vedere come sta, perché in Nazionale non era il solito Barella. Zielinski è il contrario: molto forte tecnicamente, usa destro e sinistro, ma deve essere un po’ trascinato». 

DARMIAN«Lui sa qual è il suo ruolo e non tradisce mai. Darmian, D’Ambrosio e un altro paio di giocatori con la stessa “testa” rendono lunga e forte la rosa nerazzurra». 

ANGUISSA«Non è un recuperatore di palloni e basta, ma un calciatore completo in tutto. Anguissa non ha difetti, tiene la palla, copre. Ha una lucidità tattica che ha stupito tutti». 

UOMINI PARTITA«Scelgo due giocatori sotto pressione: nell’Inter Lautaro, che non segna da un po’, e nel Napoli Insigne, che non è stato bravo in Nazionale ma può fare la differenza a San Siro».