Connettiti con noi

Hanno Detto

Pagliuca: «Handanovic me lo terrei stretto, e su Onana…»

Pubblicato

su

L’ex portiere dell’Inter, Pagliuca, ha parlato del capitano nerazzurro Handanovic e dell’eventuale arrivo di Onana

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Gianluca Pagliuca ha parlato anche dell’Inter e del futuro dualismo Handanovic Onana:

ATALANTA INTER – «È stata una bellissima partita, poteva vincere chiunque. Ho visto un’Inter fortissima e un’Atalanta all’altezza. Fare risultato a Bergamo non è semplice per nessuno e ho visto comunque i nerazzurri giocare a viso aperto. Per l’Inter restano comunque due punti persi, perché in attesa del recupero col Bologna rischia di subire il sorpasso del Milan, ma il gioco dell’Inter resta quello di una grande squadra. A Bergamo si è avuta la conferma di quanto stiamo vedendo da inizio stagione».

PUNTO DEBOLE INTER – «Nessun punto debole in particolare e non vedo nemmeno cali rispetto a dicembre. Forse ci sarebbe bisogno di un vice Dzeko, perché è quello il profilo che manca di più come ricambi. Però è giusto per trovare il pelo nell’uovo, perché la squadra di Inzaghi sembra quasi perfetta».

HANDANOVIC – «Io lo terrei assolutamente, ha dimostrato di essere un grandissimo. Se prima parava da 10, ora è da 9, ma resta sempre tra i migliori. Magari non è più continuo come prima, ma è fortissimo. Questa stagione ha già tolto parecchie castagne dal fuoco. L’ho visto reattivo e sono contento per lui perché tante volte ha ricevuto critiche assolutamente immeritate. Handanovic è al top in Europa da 15 anni ed è ancora fondamentale anche nell’equilibrio di spogliatoio».

ONANA – «L’ho visto giocare nell’Ajax ed è un buon portiere, ma deve ancora far vedere cosa sa fare ad alti livelli. L’Inter ha fatto bene a prenderlo perché e un portiere di qualità ed era a parametro zero. Onana ci sta perché è giovane, ma non è un Donnarumma o un Buffon, almeno non ancora. È presto per dire dove potrà arrivare e cosa potrà dare all’Inter. Le premesse ci sono tutte, ma dovrà sudarsi il posto».