Connettiti con noi

Hanno Detto

Zamorano: «Juve Inter un Superclasico, chi perde è fuori dai giochi»

Pubblicato

su

Ivan Zamorano, ex storico centravanti dell’Inter, ha parlato del derby d’Italia contro la Juve in programma domani sera

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, l’ex bomber nerazzurro, Ivan Zamorano, ha parlato del derby d’Italia contro la Juve:

INTER A TORINO – «Parola d’ordine tranquillità: non conosco una squadra che durante un anno non abbia un “basso” calcistico, non scordiamoci che l’Inter fino al 2021 aveva toccato livelli stratosferici. Anzi, è un bene che questo calo sia avvenuto tra febbraio e marzo perché c’è ancora spazio e tempo per recuperare la vetta. Con una vittoria saremmo a -3 dal Milan, non male per prendere la rincorsa».

MOTIVI DEL CALO – «Non è il momento di drammatizzare o esagerare, la macchina può ripartire subito. Certo, sarebbe stato meglio mantenere una certa regolarità, ma lo scudetto è ancora un obiettivo alla portata. Anzi, ci credo proprio! Per questo, dico che non è il tempo dei rimpianti, anche se qualche partita in più andava vinta…».

CHI PERDE E’ FUORI – «Chi perde è fuori dai giochi? Sì, va affrontata con responsabilità e intelligenza proprio perché è una gara da dentro o fuori. Ma con la Juve lo è sempre, a maggior ragione con questa classifica. Quando vesti il nerazzurro sai che la prima da vincere è quella con la Juve. Voi lo chiamata “derby d’Italia”, per me è un “Superclasico”. Questa vale di più proprio perché, vincendo, oltre a mettersi in scia del Milan, l’Inter taglierebbe fuori i più grandi rivali. Purtroppo, però, questa Juve non è quella fragile di inizio stagione».

VLAHOVIC – «Lui è il “plus”. Per fame, gioventù e margini di crescita, ha un futuro da top garantito. Penso che tra 2-3 anni lo vedremo tra i re d’Europa».

ATTACCO INTER – «Dzeko è una certezza, ha grande esperienza e sa gestire questi momenti. Mi soffermo su Lautaro, per me troppo criticato. Tutti sappiamo ciò che il Toro può dare e si è visto soprattutto nel periodo in cui non ha segnato: in quelle partite la squadra non ha mai giocato in 10, ha sempre qualcosa da offrire oltre ai gol. Non so se arriverà Dybala, ma vorrei che i gol scudetto arrivassero da lui, non ha ancora dato il 100% del potenziale».

PUNTI DEBOLI JUVE – «Beh, la difesa: l’ho vista un po’ lenta, ha perso brillantezza rispetto agli ultimi anni. L’Inter ha un centrocampo superiore, ma vince se trova rapidità di esecuzione e verticalità».

CILENI – «Sia Alexis che Vidal avranno il cuore spezzato per la mancata qualificazione del Cile al Mondiale, ma il calcio ti dà sempre una rivincita. Loro possono prendersela con l’altra maglia del cuore, quella nerazzurra: quando la indossano, io mi sento orgoglioso. Su Vidal posso dire che deve continuare così: dare il suo contributo quando serve».

SANCHEZ – «In Supercoppa ci ha fatto godere come pazzi. Vorrei proprio ridicesse la cosa del “leone in gabbia”: significherebbe che Alexis ha rimesso di nuovo il piedino contro la Juve…»

Copyright 2021 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano