Connettiti con noi

Hanno Detto

Chivu: «Con il Cagliari eravamo fuori. E’ stato tutto emozionante»

Pubblicato

su

Il tecnico della Primavera interista Chivu si è espresso ai microfoni della Lega Serie A in avvicinamento alla finale di Campionato contro la Roma

«È stata emozionante per tutti perché perdevamo 3-0 all’intervallo, perché, non dico che eravamo con un piede fuori, ma eravamo fuori completamente. C’era un minimo di speranza, che siamo riusciti a trasmettere i ragazzi, abbiamo detto loro di rimanere in partita perché poteva succedere di tutto con un episodio, però il tempo volava e ci si avvicinava sempre di più alla fine dei 90 minuti e quell’episodio non arrivava. È arrivato ad un certo momento, il tempo stringeva, però loro sono stati bravi a crederci. Ho fatto i miei complimenti a loro anche pubblicamente. È stato emozionante, ma la cosa fondamentale è che tutti noi eravamo felici per loro perché ci hanno creduto, abbiamo visto l’impegno, i ragazzi che sono subentrati hanno tenuto lo spirito giusto con il loro atteggiamento in campo, anche su quelli che magari avevano subito il 3-0 nel primo tempo. È stato uno spirito di squadra fantastico e il merito è tutto loro»

FINALE – «Non credo che la finale sarà una partita spettacolare, però poi è sempre un settore giovanile e bisogna vedere la gestione dal lato emotivo, di quelle cose che poi alla fine fanno la differenza. Mi riferisco soprattutto al lato emotivo, alla gestione mentale che uno ha, le letture che deve fare durante una partita, nei momenti di difficoltà e non solo. Però è bello, in queste partite ci si migliora. Lo dicevo ai miei, dopo la semifinale, che riprendere quella partita che sembrava finita darà loro tanto dal punto di vista umano, tanto dal punto di vista professionale perché durante una stagione non riesci a trasmettere quello. Ci metti l’impegno, ci lavori sopra attraverso metodologie differenti, cerchi di stimolare il lato emotivo»

DISPUTARE UNA FINALE – «Non è mai facile giocarle queste gare, soprattutto queste da ragazzi, ma non lo è anche per un adulto, con esperienza e magari altre finali giocate alle spalle. Però non devono mai dimenticarsi il fatto che dietro ad una finale c’è il lavoro, il sacrificio e tante cose che hanno fatto durante gli anni, e non solo durante una stagione, nei quali hanno imparato ad avere degli obiettivi e a fare di tutto per raggiungerli. Penso che la cosa fondamentale sia quella: fare di tutto per raggiungere un obiettivo, fare di tutto per raggiungere quello che è il loro sogno e sono sicuro che ognuno di loro vorrebbe vincere lo scudetto»

Copyright 2021 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano