Zazzaroni: «Allegri se ne è fottuto della corte dell'Inter! Adesso sappiamo che...»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Zazzaroni: «Allegri se ne è fottuto della corte dell’Inter! Adesso sappiamo che…»

Pubblicato

su

Zazzaroni: «Allegri se ne è fottuto della corte dell’Inter! Adesso sappiamo che…» . Così il giornalista sul tecnico bianconero

Ivan Zazzaroni sul Corriere dello Sport scrive così del burrascoso addio tra la Juventus e Massimiliano Allegri, con quest’ultimo che ha già deciso di impugnare il licenziamento per giusta causa.

Scrive Zazzaroni: «I grandi amori, quelli emozionanti di cui tanto si parla e scrive, possono finire soltanto così. A pesci in faccia. E in tribunale. Come Totti e Ilary: è il primo esempio che mi viene in mente. Per cui non deve sorprendere il licenziamento per giusta causa di Massimiliano Allegri, che considero il primo responsabile della fine del matrimonio. Innanzitutto perché aveva sposato un’altra, la Juve di Andrea Agnelli. E dopo una pausa di riflessione di due anni, era addirittura tornato a casina fottendosene della corte di realtà tutt’altro che trascurabili quali Real Madrid, Inter e Napoli […]. Le cause, giuste, per chiedere un divorzio sarebbero (sono) tre, ha scritto un genio della rete: 3) incompatibilità caratteriale; 2) corna; 1) l’acqua lasciata fuori dal frigo d’estate (pratica inaccettabile). Adesso sappiamo che ne esiste una quarta, la sbroccata contro il direttore dell’area tecnica (Cristiano Giuntoli), consumatasi peraltro all’interno del pullman della squadra. Del tutto trascurabile risulta infatti lo spogliarello con attacco all’autorità arbitrale (Rocchi) che, al pari della sbroccata, per Allegri è esercizio a cadenza semestrale».

E ancora: «Non so come questa storia si concluderà – ma so che era virtualmente finita nel momento in cui la nuova dirigenza prese Giuntoli senza informare il tecnico -, né voglio esprimermi su questioni che non mi toccano: la tutela dell’immagine è una cosa molto seria. Penso tuttavia che all’immagine della Juve Allegri abbia dato tantissimo. Immagine e sostanza: dodici titoli in otto anni. L’errore che non gli perdono è di superficialità, o forse di supponenza: Max ha pensato di poter uscire indenne da una storica fase di passaggio. Quando i due rami della Real Casa si succedono è meglio farsi da parte, se si rappresenta il passato. Ne sa qualcosa chi l’ha vissuta nel 2006. A Torino si fa così: chiudi la porta, cambia la musica, pulisci la casa. PS. Non è casuale che nello stesso giorno in cui è arrivata la comunicazione del licenziamento per colpa di Allegri, la Juve abbia chiesto di poter rientrare nell’Eca, nemica giurata di Andrea “Superlega” Agnelli». 

Copyright 2024 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano