Connettiti con noi

Hanno Detto

Udinese, la critica di Marino: «Il FPF una fallimento, verrà abolito a breve»

Pubblicato

su

Il dirigente dell’Udinese Marino ha parlato dei problemi economici del mondo del calcio, puntando il dito anche contro il Fair Play Finanziario

Pierpaolo Marino, responsabile dell’area tecnica dell’Udinese, ai microfoni di Tutti Convocati su Radio 24 ha parlato dei problemi economici del mondo del calcio.

FAIR PLAY FINANZIARIO – «Il FFP è stato un fallimento di Platini, forse le impalcature di questo calmiere non hanno retto e penso verrà abolito a breve. Se poi l’allarme arriva dal campionato inglese dove la distribuzione delle risorse è più paritaria, siamo a livelli di guardia. Ho visto sempre aumentare i fatturati delle squadre dei maggiori campionati europei, ma nei casi delle patrimonializzazioni dei club degli emiri, quelle risorse restano nelle tasche di giocatori e intermediari, non sono finite a cascata sui club inferiori». 

GIOCATORI PATRIMONIO – «I giocatori stanno diventando patrimonio degli impresari e non dei club, quando a 2 anni dalla scadenza si rifiutano di prolungare significa che andiamo verso il basket? Il calciomercato esisterà ancora o i trasferimenti saranno da concordare con gli impresari? Vedo una situazione che si evolverà male per il sistema basato sul giocatore patrimonio del club. Anche stipulare contratti di 5 anni che poi se le cose vanno male li devi pagare 5 anni e diventano un costo, se invece vanno bene se ne vanno e non rinnovano». 

INFORTUNI IN NAZIONALE – «L’indennizzo della FIFA sugli infortuni dei calciatori è del salario per le settimane di assenza, non del danno tecnico, se sei costretto a comprare un altro giocatore per sostituire uno che si è rotto un legamento te ne fai poco dell’indennizzo sul salario».

Advertisement

Facebook

News

Advertisement