Stramaccioni SICURO: «L'Inter parte davanti a tutte, Taremi…»
Connettiti con noi

Calciomercato Inter

Stramaccioni SICURO: «L’Inter parte davanti a tutte, Taremi l’attaccante IDEALE. Zielinski? L’ho allenato ad Udine, vi racconto che giocatore è»

Pubblicato

su

L’ex allenatore dell’Inter, Andrea Stramaccioni, ha commentato il mercato dei nerazzurri ed il colpo Mehdi Taremi

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Andrea Stramaccioni ha analizzato e commentato così il colpo chiuso dal calciomercato Inter con l’acquisto a parametro zero di Mehdi Taremi e ha tirato le somme sulle altre operazioni chiuse dai nerazzurri.

COSA RAPPRESENTA TAREMI PER L’IRAN? – «La sua storia calcistica è iniziata lì: è esploso nella squadra della sua città, l’Iranjanvan nella regione a sud ovest di Bushehr nell’omonima provincia, è approdato a 22 anni al Persepolis , uno dei club più famosi d’Asia e lì si è messo subito in mostra segnando più di 50 reti in tre stagioni e attirando le sirene del Qatar e l’attenzione dello Sceicco Jassim Al Thani, mio ex presidente».

L’ESPERIENZA ALL’AL-GHARAFA CON SNEIJDER – «Proprio all’Al-Gharafa, grazie anche all’intesa con Sneijder, Taremi ha disputato un’altra grande stagione e ricevuto la chiamata del Rio Ave. Quindi, dopo solo una stagione, è arrivato al Porto. Una scalata continua, il tutto segnando quasi un gol ogni due partite con l’Iran».

COME MI ASPETTO IL SUO AMBIENTAMENTO ALL’INTER – «I giocatori iraniani sono generalmente di carattere molto forte, e lui fino a oggi ha dimostrato grandi capacità di ambientamento. Non l’ho mai allenato ma lo conosco bene: è un gran lavoratore e ha avuto sempre un atteggiamento positivo negli spogliatoi che ha frequentato. Ricordo che al Porto, appena arrivato, per le prime gare collezionò panchine dietro a Marega. Ma grazie a prestazioni e gol ha convinto Conceicao addirittura a cambiare modulo: dal 4-3-3 al 4-4-2 proprio per lui».

SULLE PAROLE DI LAUTARO – «Assolutamente d’accordo, soprattutto per un motivo: Taremi
è un grande specialista dell’attacco con due punte che lavorano una per l’altra, lo ha sempre fatto, con Marega ed Evanilson nel Porto e con Azmoun in nazionale. Lo farà anche all’Inter.
La stagione sarà fitta e lui dovrà sapere integrarsi con qualsiasi partner, anche in corsa
».

AD AGOSTO SARÀ GIÀ INTEGRATO? – «Sì. Con Lautaro e Thuram arrivati avanti in nazionale, Inzaghi potrà rodare Taremi nel precampionato con un minutaggio e
un’attenzione totale
».

ALZERÀ IL LIVELLO IN CHAMPIONS? – «È esperto e segna molto. Riempie l’area ed è completo, sa fraseggiare in combinazione col compagno, è abile nel gioco aereo
e ha forza fisica
».

UN TITOLARE IN PIÙ PER INZAGHI? – «Taremi sarà un’alternativa solida alla coppia di attacco Lautaro Thuram che ha appena dominato la Serie A. Marotta e Ausilio hanno portato a termine un’operazione molto importante, ancora di più perché a costo zero».

SU ZIELINSKI E JOSEP MARTINEZ – «Martinez è cresciuto molto nell’ultima stagione al Genoa. Lo vedo più forte e pronto rispetto agli anni di Lipsia, si metterà alle spalle di Sommer ma potrà essere il futuro dell’Inter fra i pali. Zielinski è una delle mezze ali più forti e complete della A. Lo conosco molto bene avendolo allenato a Udine: giocatore molto forte e uomo serio e professionale, altro colpo eccellente della coppia Marotta-Ausilio. L’Inter ha i suoi top player… anche in giacca e cravatta».

COME GESTIRE IL VANTAGGIO SULLE RIVALI? – «L’Inter partirà davanti per solidità, forza e continuità del progetto. Escluse Atalanta e Roma, le rivali hanno cambiato tutte guida tecnica: questo porta entusiasmo ma spesso richiede anche tempi di rodaggio…».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano