Sommer:  «Scudetto Inter? Incredibile, ai tifosi ora dico…»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Sommer svela tutto: «Scudetto Inter? Incredibile, ecco cosa ho imparato dell’Italia. Ai tifosi dico…»

Pubblicato

su

Yann Sommer si racconta, il portiere dell’Inter svela in tutto per tutto la sua esperienza in nerazzurro, dallo scudetto all’Italia

Il portiere dell’Inter Sommer ha fotografato il suo primo anno in nerazzurro a SRF.

FESTA SCUDETTO – «Mi viene subito la pelle d’oca. È stato mega-emozionante, euforico. Una bella festa per il campionato con tanta gente. Mi sono davvero divertito. I tifosi amano il club, lo dimostrano in ogni partita in casa e in ogni trasferta. Puoi sentire questa gioia immensa in ogni momento. Per un calciatore è una delle cose più belle che ci siano. La parata del campionato: difficilmente ci crederesti. Ci sono volute più di sette ore per percorrere 2,5 km. C’erano così tante persone, comprese bambine e bambini, era bellissimo».

RESPONSABILITA’ VERSO I TIFOSI – «Decisamente. Cerchiamo di restituire questa gioia con buoni risultati in campo. Naturalmente la pressione c’è, la gente voleva il titolo iridato, la seconda stella sulla maglia. Come tifosi investono molto». 

CLEAN SHEET – «Ma è anche merito della squadra. Abbiamo difeso molto bene a Gladbach sotto Lucien Favre. Anche all’Inter è così, abbiamo una buona struttura in campo. Di conseguenza, subiamo pochi gol. Per me come portiere questo è un sogno assoluto. È bello quando puoi festeggiare difendendo il tuo obiettivo come squadra. Abbiamo avuto molte situazioni in cui i tiri venivano bloccati o arrivava una parata e i giocatori si davano il cinque a vicenda. Questa è stata la nostra ricetta per il successo quest’anno».

 L’ESPERIENZA AIUTA – «Naturalmente questo aiuta. Anche a Gladbach per me è stata una sfida che volevo accettare. Il mio obiettivo è sempre stato quello di non essere la copia di un altro portiere. Io, Yann Sommer, volevo essere un buon portiere per il nuovo club. Ho sempre fatto bene a non confrontarmi, ma piuttosto a portare in campo il mio gioco, le mie idee e la mia creatività».

PRESSIONE – «All’Inter non sentivo così tanta pressione. Forse perché non ho capito tutto quello che è stato scritto all’inizio. Mi sono sentito il benvenuto fin dal primo giorno. Ciò ha reso tutto più semplice».

COSA HO CAPITO DELL’ITALIA – «Ritiro. Ciò significa: dormi al campo di allenamento prima della partita. Tutto è un po’ più emozionante, anche all’interno del team, il modo in cui lo staff lavora con noi. Per il resto ci sono molti parallelismi con la Bundesliga nel lavoro».

FAMIGLIA IN ITALIA – «È sempre una nuova sfida. Abbiamo riprogettato tutto a Monaco e dopo quasi 6 mesi siamo ripartiti e abbiamo dovuto ricostruire tutto a Milano. Ci siamo riusciti bene. Grazie anche a mia moglie, che fa molto dietro le quinte e mi supporta moltissimo».

TANTI TROFEI IN CARRIERA – «È bellissimo per me. Ho investito molto nella mia carriera e questo ne è il risultato. Avere l’opportunità di giocare in club del genere. Recentemente, i cambiamenti hanno dato un ulteriore impulso alla mia carriera».

ESPERIENZA ALL’INTER – «I primi mesi all’Inter sono stati particolarmente speciali. Ho avuto la fortuna di giocare in grandi stadi davanti a grandi tifosi durante tutta la mia carriera. San Siro lo è ancora di più. Tutti dicono la stessa cosa: è rumoroso, è caldo, emotivo, euforico. Avevo spesso la pelle d’oca».

ITALIANO – «Sono completamente immerso nella lingua ogni giorno. Sto cercando di imparare bene l’italiano in modo da poter dire la mia. Adoro l’atteggiamento nei confronti della vita che ti danno gli italiani. Sono estremamente amichevoli, si divertono, amano parlare ad alta voce e gesticolare. È un vero piacere passare del tempo con loro. E comunque faccio sempre rumore in campo».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano