Connettiti con noi

Hanno Detto

Settore ospiti chiuso Inter Napoli, Napoli Club Milano: «Potevano dirlo prima»

Pubblicato

su

Il Napoli Club Milano 2006 punta il dito contro la scelta tardiva dell’Osservatorio di bloccare la trasferta dei residenti in Campania per Inter-Napoli

L’Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni sportive ha deciso di bloccare la trasferta ai residenti in Campania per Inter-Napoli. Scelta tardiva secondo Salvatore Di Roberto, vice presidente del Napoli Club Milano 2006, che ha parlato in una intervista a La Repubblica.

DECISIONE TARDIVA – «Solo l’11 novembre scorso, ed è proprio questo il punto. Un provvedimento simile già di per sé è discriminatorio, ma preso così a ridosso della partita danneggia in tifosi anche dal punto di vista economico». 

CAMPANI A MILANO – «Molti residenti in Campania avevano già comprato da tempo biglietti di treno e aereo non rimborsabili, e avevano prenotato gli alberghi. A questo punto verranno a Milano lo stesso. Noi del Club di Milano ne accoglieremo una quarantina, di quattro club diversi. Li accoglieremo al pub Carlsberg, in zona Garibaldi, dove abbiamo ricominciato a vedere tutte le partite del Napoli, quando non andiamo allo stadio in trasferta. Si entra solo con green pass, come è giusto che sia. Lì potranno stare insieme ad altri tifosi del Napoli, ma è davvero un peccato». 

DECISIONE DA CONTESTARE – «No, non è questo il punto. L’Osservatorio fa le sue valutazioni e le rispetto. Contesto lo strumento. La tessera del tifoso, che pure ad alcuni non piace, è sicuramente uno strumento di controllo più democratico rispetto a un divieto che colpisce in base al luogo di residenza. E poi, come dicevo, i tempi: lo dicessero almeno per tempo».