Connettiti con noi

Hanno Detto

Rummenigge: «Inzaghi bravissimo, ma l’avevo già capito. Scudetto? È lunga»

Pubblicato

su

Rummenigge: «Inzaghi bravissimo, ma l’avevo già capito ai tempi in cui allenava la Lazio. Scudetto? È ancora lunga»

Intervenuto ai microfoni della Gazzetta dello Sport, Karl-Heinz Rummenigge ha parlato dell’Inter di Simone Inzaghi. Le sue parole.

DERBY – «Sì, un po’ l’ho visto. Purtroppo l’Inter poteva anche vincere ma fa niente, il campionato è ancora lungo. L’importante è non aver perso. E’ interessante come anche dopo l’addio di Conte società e squadra marcino bene».

CAMPIONATO – «L’Inter potrà recuperare. Il Milan e il Napoli, che è una sorpresa, vanno forte, ma c’è tempo e l’Inter ha le capacità per difendere il suo scudetto nonostante le cessioni importanti. Se ne sono andati giocatori di peso, è indubbio, ma è stato fatto un mercato intelligente ed è stato pescato l’allenatore giusto. Oggi più che mai l’allenatore conta molto e Inzaghi sta facendo un lavoro molto interessante, è molto bravo, l’avevo già intuito nel passato».

INZAGHI – «Noi abbiamo giocato due volte contro la Lazio in Champions: anche se il Bayern ha sempre vinto, si è vista la mano di Inzaghi, come in tutti gli anni in cui è stato a Roma. Anche all’Inter si vede il suo buon lavoro, in campo e tatticamente. È importante che le squadre di Milano siano tornate protagoniste. Sono club importanti per il calcio italiano e europeo. Mancavano loro sulla cima. L’Inter ha vinto lo scudetto a maggio, il Milan va forte. Anche se sono ancora oggi interista, sono contento di vedere i rossoneri in alto. Se Milano va bene, anche il calcio italiano va bene».