Rocchi si sfoga: «Insinuazioni su Inter Verona? Palla agli avvocati»
Connettiti con noi

Hanno Detto

Rocchi si sfoga: «Insinuazioni su Inter Verona? Palla agli avvocati, il rigore non l’hanno sbagliato Nasca o Fabbri»

Pubblicato

su

Il designatore arbitrale Gianluca Rocchi si esprime così in merito alle polemiche arbitrali scaturite dopo gli episodi di Inter Verona

Il designatore arbitrale Gianluca Rocchi ha indetto una conferenza stampa a Coverciano per parlare degli ultimi episodi arbitrali in Serie A che tanto hanno fatto discutere e gridare allo scandalo, a partire da Inter Verona.

INSINUAZIONI SU INTER VERONA – «Le insinuazioni sul cambio di designazione per Inter-Verona sono state registrate e girate agli avvocati dell’ufficio legale dell’AIA. Perché adesso iniziamo a non sopportare più qualunque cosa venga detta».

RISPETTO – «Sentiamo parlare di mancanza di rispetto (si riferisce alle parole del ds del Verona Sean Sogliano ndr.) ma il rigore poi non l’hanno sbagliato Nasca o Fabbri».

TOLLERANZA ZERO – «Con le buone o con le cattive, gli arbitri devono farsi rispettare. Non lo sopportiamo più. Nessuno creda che vociare a caso serva per ottenere risultati. Più che ammettere gli errori cosa dobbiamo fare?».

ARBITRI GIOVANI – «Ci sono grandissimi prospetti in questo gruppo ma quando investi nei giovani ci vuole tempo».

GIUSTIZIA SPORTIVA – «Chiedo alla giustizia sportiva di essere dura. Non possiamo essere i Carabinieri che vanno in campo e poi certa gente la in campo la rivediamo».

SUL VAR – «Il Var lo stiamo sciupando noi come sistema. Deve essere una cosa evidentissima, sfuggita all’arbitro ma ora si chiede sempre di più l’intervento della televisione».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano