Connettiti con noi

Hanno Detto

Pastoor: «Dumfries è migliorato in maniera incredibile, mi ha parlato bene di Milano»

Pubblicato

su

L’ex tecnico di Dumfries ai tempi dello Sparta Rotterdam ha così parlato dell’esterno olandese dell’Inter: le dichiarazioni

L’ex allenatore ai tempi dello Sparta Rotterdam di Denzel Dumfries ha cosi parlato del giocatore nerazzurro ai microfoni di Gazzetta.it

AMBIENTAMENTO – «A chi mi chiedeva cosa pensassi delle difficoltà di Denzel in Italia, rispondevo: Non preoccupatevi di lui: se una cosa sembra difficile, la supera lottando. E da una situazione complicata ne uscirà migliorato”. Detto, fatto: Dumfries si sta prendendo l’Inter. “Nelle ultime settimane è entrato nella parte, giocando bene e segnando. Penso stia crescendo molto come esterno a tutta fascia nel 3-5-2»

RUOLO DA ESTERNO – «Il gol contro il Torino è emblematico: quando l’Inter ha recuperato palla, Denzel era nella sua area. Con pochi passi, correndo al massimo della velocità per 80 metri, è arrivato al limite dell’area avversaria. Sono sempre stato incantato dai suoi passi lunghi, a mangiarsi il campo»

CAPACITA’ – «Ho capito che era adatto per quel ruolo. È migliorato in modo incredibile: ha sempre avuto una gran voglia di imparare, che è tra le sue migliori doti. Oltre alla forza fisica e, soprattutto, alla mentalità: è un ragazzo molto intelligente e ha questa abilità nel focalizzarsi sui suoi obiettivi personali. È un gran lavoratore: dà sempre tutto dal punto di vista fisico per arrivare al massimo livello»

PUNTI DI FORZA – «La sua testa mi ha sempre impressionato di più del fisico e della tecnica. Sa dove sta la sua vera forza? Che non gli importa di fare errori, anzi: impara da questi. E dietro a tutto questo c’è un ragazzo gentile, rispettoso e con grandi valori»

RAPPORTO – «Lo chiamo appunto il mio ‘football child’, mi ritengo il suo padre calcistico. L’ho lanciato che era ancora molto giovane. Quando questo accade, un giocatore non ti dimentica più. Ma anche tu, come allenatore, non dimentichi. E infatti sono ragazzi, lui e gli altri, con cui ho ancora un ottimo rapporto. All’inizio sei come un padre, poi crescono e diventi un fratello maggiore. E poi un amico con cui magari non parlano ogni settimana, ma sanno che possono chiamarti in qualunque momento. Per questo ci sono gli amici»

MIGLIORAMENTI – «Ci ha messo poco a raggiungere il livello richiesto all’Inter e a migliorare anche il proprio stile di gioco. Penso che ora stia migliorando molto anche nell’affidabilità: adesso si possono fidare di lui, sia come persona sia come giocatore. Ha raggiunto un’ottima continuità nelle prestazioni, quindi non saprei dire un aspetto su cui può migliorare: sta seguendo una sua strada e penso sia quella giusta»

INTER – «Se parliamo di calcio, allora il rapporto torna a essere quello tra allenatore e giocatore, con magari punti di vista diversi. Però mi ha parlato molto bene di Milano e dell’Italia, come Paese in generale ma anche come esperienza professionale. Anche la famiglia è molto contenta»