La confessione choc di Fagioli: «Ho scommesso su Milan e Inter»
Connettiti con noi

Hanno Detto

La confessione choc di Fagioli: «Ho scommesso su Milan e Inter, mai sulla Juve»

Pubblicato

su

Nicolò Fagioli ha confessato sulle colonne di Repubblica, raccontando delle scommesse fatte su Inter e Milan: le parole

Sulle colonne di Repubblica, un Nicolò Fagioli senza freni parla delle scommesse, delle minacce ricevute e degli ingenti debiti di gioco accumulati nel tempo. Le sue dichiarazioni, che riguardano anche Milan e Inter.

INIZI – «Inizialmente giocavo sul tennis. Poi da settembre 2022, poiché dovevo restituire somme ingenti a varie piattaforme, iniziai a scommettere anche sul calcio, per provare a recuperare».

I CONSIGLI INUTILI DELLA MADRE – «Quando ero alla Cremonese, mia mamma mi consigliò di recarmi al Sert per farmi curare, io ci andai alcune volte. Ma ebbi l’illusione di poterne fare a meno. Nel periodo successivo a settembre 2022 giocavo in modo compulsivo davanti alla tv su qualsiasi evento sportivo che stessi vedendo, calcio compreso… anche Serie B e Lega Pro».

MINACCE – «Aumentando il debito e ricevendo pesanti minacce fisiche, tipo “ti spezzo le gambe”, anche durante la notte pensavo solo di giocare per recuperare il mio debito».

PRESTITI DA GATTI E DRAGUSIN – «Decisi di chiedere dei prestiti ad alcuni amici e a un compagno, Gatti, al quale chiesi 40 mila euro dicendogli che mi servivano per comprare un orologio e che avevo i conti bloccati da mia madre. Altro prestito mi fu fatto da Dragusin (ex Juve, oggi al Genoa) e da alcuni amici di Piacenza».

GLI OROLOGI – «Provvedevo ad acquistare a Milano dei Rolex di valore». Gli orologi alcune volte li ho consegnati io, a volte passavano i titolari delle piattaforme a ritirarli presso la gioielleria».

LA JUVE NON SAPEVA – «Lo sapevano solo mia mamma e qualche amico non calciatore. Dovevo rinnovare il contratto e temevo che una notizia del genere lo avrebbe impedito».

TONALI – «Ho iniziato a Tirrenia nel ritiro dell’Under 21. Fu Tonali, mio amico stretto, che mi suggerì il sito illegale Icebet. Mi capitò di vederlo giocare e gli chiesi cosa stesse facendo. Mi disse che avrei potuto giocare perché non c’erano tracce delle scommesse. Fu Tonali stesso a farmi regi- strare tramite un account. Non ricordo se fu lui a darmi le credenziali o se fui io a farlo direttamente contattando un referente, persona fisica, via WhatsApp. Inviai un messaggio a questo referente e mi rispose mandandomi username e password per poter iniziare a scommettere».

TIPO DI SCOMMESSE – «Mai sulla Cremonese o la Juventus, va contro la mia etica. Scommettevo sulla vincente di una gara o sul risultato under/over, mai sul nome del marcatore o sul risultato esatto».

MILAN E INTER – «Era mia abitudine scommettere spesso su partite di calcio mentre erano in corso di svolgimento. In quell’occasione puntai sul pareggio o sulla vittoria del Milan. Persi perché la partita finì 2 a 1 per il Torino. In relazione alla ricevuta che mi viene mostrata in visione relativa alle partite di Champions League, Porto-Atletico Madrid e Real Madrid-lnter ho scommesso che avrebbero segnato meno di 3 o 4 gol. Anche in questa occasione si trattava di una piattaforma illegale Betart». 

MOTIVO – «Avendo molto tempo libero, è un modo per vincere la noia».

LACRIME COL SASSUOLO – «Ero talmente stressato e impaurito che durante Sassuolo-Juventus feci un errore e fui sostituito. Appena uscito dal campo mi misi a piangere di fronte alle telecamere pensando ai debiti delle scommesse».

Copyright 2024 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano