Connettiti con noi

Giovanili

Samaden: «Difficile pensare che i calciatori della Primavera siano pronti per l’Inter»

Pubblicato

su

Il responsabile del settore giovanile dell’Inter Roberto Samaden ha parlato intervenendo nel Canale You Tube di Gianluca Rossi

GIOVANI PRONTI – “Per la prima squadra dell’Inter sinceramente faccio fatica a pensare uno che sia pronto a giocare nella prima squadra. Stare nel gruppo della prima squadra assolutamente sì. Solo il campo e il tempo potrà dirlo. Secondo me ci sono 7-8 giocatori con prospettiva importante. I ragazzi magari è difficile che siano pronti a 18-19 anni, ma poi col percorso giusto arriva all’Inter a 22 e può essere considerato uno dei 24 titolari dell’Inter, Però ha avuto bisogno di fare i suoi passaggi consolidando le sue qualità e questo è un percorso che altri ragazzi potrebbero fare

CALCIO ITALIANO – “C’è un problema di sistema, i dati che oggi ci sono sull’utilizzo dei giovani in Serie A ci vede negli ultimi posti. Non è vero che perché le nostre squadre competono ad alto livello, in realtà è il sistema italiano che non è funzionale alla crescita dei giovani, soprattutto al passaggio dai settori giovanili alle prime squadre. Il progetto delle seconde squadre in Italia è partita qualche anno fa, ma oggi c’è una sola società che lo sta facendo, la Juventus. Ci sono problematiche legate ai club che vedono qualche club più club più piccolo facilitato a dare spazio ai ragazzi. C’è poi qualche club più grande che per determinati motivi in determinati momenti ha più facilità a farli giocare in prima squadra, poi quando giocano in prima squadra ci si accorge che sono in grado di farlo. Ogni Paese europeo ha un ponte che accompagna i ragazzi. Il nostro è un campionato difficilissimo, la rotazione degli allenatori è altissima. Ci sono tutta una serie di problematiche, poi ogni club ha la sua storia e i suoi momenti. Negli ultimi anni i nostri giovani magari hanno supportato il club e permesso al club di avere delle risorse dal punto di vista economico. Dobbiamo essere consapevoli che il lavoro del Settore Giovanile non è solamente come in passato orientato al passaggio in prima squadra dei giovani”

SCUDETTO – “È frutto di un lavoro che non è solo quello di quest’anno, ma di una filiera che è quella del Settore Giovanile. Il capitano della Primavera di quest’anno ha iniziato a giocare da noi quando aveva 5 anni, questo fa capire quanto il lavoro non sia solo di un anno. Ritornando a questa stagione, sorpresa sicuramente perché avevamo rifondato la squadra, eravamo ripartiti e perché dopo un ciclo importante non pensavamo di essere già pronti per fare risultato. Però quando lavori bene e quando hai un allenatore come Chivu, quella che può sembrare una sorpresa non lo è stata. Abbiamo avuto un mister che è stato bravo a far crescere i ragazzi, ad aver coraggio a fa giocare quelli più giovani. La Roma, come altre squadre, era più accreditate, ma alla fine con un po’ di fortuna e tanta bravura e lavoro e tanto merito del mister, siamo riusciti a raggiungere un risultato importante