Connettiti con noi

Calciomercato

Inter, il primo trimestre 21-22 chiuso in utile. I costi…

Pubblicato

su

Calcio e finanza fa il punto sulla questione economica dell’Inter: nel dettaglio costi, plusvalenze e ricavi del primo trimestre

«Nel dettaglio, i ricavi sono stati pari a 171,9 milioni di euro, di cui tuttavia 100 milioni derivanti dalle plusvalenze. Nel dettaglio, i ricavi da matchday sono stati pari a 6,2 milioni (di cui 5,3 milioni dalla biglietteria), con 47,8 milioni incassati dai diritti tv (13,4 milioni dalla Serie A e 31,6 milioni dalla Uefa per la Champions) e 16,2 milioni in ricavi commerciali (di cui 5,2 milioni dallo sponsor di maglia e 3,1 da Nike).

Per quanto riguarda le plusvalenze, invece, la cessione di Romelu Lukaku al Chelsea (valore netto della cessione 108,7 milioni) ha permesso di registrare una plusvalenza di 66,8 milioni, mentre quella di Achraf Hakimi al PSG (valore netto della cessione 68 milioni) ha portato una plusvalenza per 33,5 milioni di euro

I costi sono stati pari a 129,3 milioni di euro, di cui 48,7 milioni legati ai costi del personale dei tesserati (37 milioni per i calciatori e 3,2 milioni per gli allenatori) e 26,9 milioni legati agli ammortamenti dei calciatori. Inoltre, sono presenti anche 15,3 milioni legati alla svalutazione del valore del cartellino di Christian Eriksen, che a dicembre ha risolto il suo contratto con il club nerazzurro. Il risultato netto è stato così positivo per 21,6 milioni, contro il -3 milioni dei dati del primo trimestre della stagione 2020/21 (poi chiusa con un risultato netto negativo per 245 milioni di euro)»

Copyright 2021 © riproduzione riservata Inter News 24 - Registro Stampa Tribunale di Torino n. 49 del 07/09/2021- Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 - P.I.11028660014 - Editore e proprietario: Sport Review s.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso all' FC Internazionale Milano I marchi Inter sono di esclusiva proprietà di FC Internazionale Milano